Météo

http://www.my-meteo.fr

Patrimonio storico

petite_poudriere

Lungo il tragitto dalla piazza del municipio per le case più caratteristiche della storia di Bonneville, prendete le vie più antiche e lasciate che il passato guidi i vostri passi ... Vedrete un immenso patrimonio all'aperto che vi invitiamo a scoprire su questo sito o di persona in compagnia della guida del patrimonio dei Paesi della Savoia, che offre visite guidate.

 

 

Piazza del Municipio

Questa grande piazza triangolare esisteva già nel Medioevo. Il nome originario "Place du Parquet”,deriva dal nome dato una volta al recinto riservato al Signore. Dopo l'incendio del 1737, le case che delimitavano la piazza, devastate dal fuoco, furono ricostruite con pietra da taglio con tetti alti, separate da scale antincendio e le tegole furono sostituite da piastrelle e ardesie.

fontaine_petite

 

La fontana della piazza del municipio

Costruita nel 1786, questa fontana, oggi chiusa, occupa il posto della vecchio municipio  demolito durante la ristrutturazione della piazza. Progettata dall’architetto Vagnat di Samoens, è in stile barocco. All’interno del progetto di riqualificazione della piazza, sarà alimentata da un serbatoio interrato di raccolta delle acque piovane.

 

Il Municipio

mairie_petiteCostruito nel 1853 da Imperatori, ingegnere del genio civile, questo edificio costruito in pietra da taglio, dal frontone triangolare, vi farà scoprire al suo interno: una pietra della Bastiglia di Parigi (offerta al distretto di Cluses nel 1793), il bassorilievo originale che adorna il piedistallo della colonna Carlo Felice, una perforatrice inventata nel XIX secolo da Sommeiller (ingegnere dell’Alta Savoia, usata per la perforazione del tunnel del Moncenisio)

Rue Brune

Vicolo originariamente noto come rue Punaise, perché era buio e chiuso da una porta di legno, è una delle vie più antiche della città. Si apre con grandi arcate della Piazza Municipio e vi fa evitare la Rue du Pont, e subito dopo la mediateca.

 
Rue des Grandes Chambrettes

Già con questo nome nel 1289, vi conduce dalla chiesa alla rue Décret. All’entrata di questa strada è possibile vedere un antico pozzo (dietro la Banca Popolare) e l'ingresso di grotte a volta, reliquie dell'antico castello della Rochette.

 

pont_europe_petiteIl  ponte sull Arve

Oggi chiamato il Ponte d'Europa, fu costruito in quattro anni, dal 1862 al 1865, sostituendo quello costruito nel 1681. In tempi ancor più remoti, diverse passerelle in legno consentivano il passaggio.

 

La casa reale

Situata al n. 154 della Piazza Municipio, adiacente alla Maison des Têtes, era la residenza per le vacanze del Re di Sardegna, durante i suoi soggiorni a Faucigny. Questa casa ha un bel balcone in ferro battuto, da dove il re incitava i suoi sudditi.

 

Casa Dupalud

In passato, ospitava un convento e poi l’intendenza sarda. Segno evidente delle guerre del tempo, si può osservare una palla di cannone nella facciata, lanciata dagli eserciti austriaci accampati sopra il recinto nel giugno del 1815.

 

tete_petiteLa maison des têtes
In stile barocco, fu ricostruita nel 1738 da Chauplannaz, un intagliatore scultore. Se sollevate lo sguardo in alto, scoprirete al 1 ° piano delle maschere demoniache con smorfie, prima di vedere al 2 ° piano degli angeli sorridenti che aprono la via del cielo.

 

 

Le café du Nord

All'entrata della rue Décret, poco prima degli archi del XVII secolo, una palla è conficcata nella facciata a nord del cafè. Si tratta di una palla lanciata dall'esercito austriaco durante la prima sconfitta di Napoleone. Quasi a simboleggiare il tempo passato, una meridiana anima con la sua sola ombra una delle facciate del Café du Nord.

 

 

chateau_petiteIl castello Béatrix De Faucigny

Costruito su una collina rocciosa da Pietro II di Savoia nel XIII secolo, è uno dei pochi castelli della Savoia non in rovina. Trasformato in una prigione nel XVIII secolo è stato utilizzato a tale scopo fino al 1934. A causa della sua condizione, non è aperto al pubblico.
Per saperne di più, contattate l’associazione “Les Amis du Château et de la Bonneville » e il suo presidente Dominique Détharré telefonando allo 04 50 97 20 29.

 

La roccaforte di Cormand

L'edificio del XIV secolo, un tempo circondato da fossati è arricchito dalla sua cappella privata. Il suo bell'aspetto, con le due ali e la massiccia torre quadrata, vi sedurrà se prendete la strada per Ginevra, in direzione di

Annemasse.

 

La torre delle Polveri
Situata in rue de Pressy, fu costruita nel 1838 come deposito per la polvere da sparo. Di forma cilindrica, misura 5,50 m di altezza ed è stata rinnovata nel 1988.

 

petite_colonneLa colonna Carlo-Félice

Il più famoso monumento di Bonneville, questa colonna domina la città dai suoi 44 metri. Progettata dall'ingegnere Bard ed eseguita dall’imprenditore Pelissier de Samoens nel 1826, è sormontata da una statua in marmo di Carrara che raffigura Carlo Felice. Questa colonna è anche caratterizzata dal basso rilievo che mostra una dea, simboleggiante l'Arve, distesa tra le canne e incatenata ... Un omaggio maestoso al re di Sardegna per ringraziarlo del suo supporto durante i lunghi lavori di contenimento dell’’Arve.

 

lavoir_petiteLavanderie di Thuet e di Epargny

Queste due eredità più recenti della città sono state restaurate da poco e rammentano a tutti i loro visitatori lo stile di vita degli abitanti di Bonneville dell’epoca.

 

 

Visites guidate :
Attualmente è possibile scoprire il patrimonio di Bonneville nel corso di un tour con visita guidata di 1h e 30 in compagnia di una guida del patrimonio dei Paesi della Savoia. Ulteriori informazioni su questi percorsi tematici

présent, vous pouvez également découvrir le patrimoine bonnevillois au cours d'une visite guidée d'environ 1h30 en compagnie d'une guide du patrimoine des Pays de Savoie. Ulteriori informazioni su questi percorsi tematici 

 

Memoriali

Omaggio e celebrazione. ...

Ogni anno, i presidenti eletti o i rappresentanti delle organizzazioni dei combattenti, portabandiera, musicisti della banda locale o semplici spettatori si radunano per onorare coloro che sono morti per la Francia.

Ulteriori informazioni sui vari monumenti e cerimonie

ommage et célébration du souvenir…Retour haut de page

Réduire la taille du texte Normaliser la taille du texte Grossir la taille du texte Inverser le contraste Réinitialiser le contraste

fr it de

W3C